Rimedio online?
Condividi
Iscriviti

Platinum | I rimedi omeopatici

platino

Il rimedio omeopatico Platinum ha matrice materiale nel mondo minerale, precisamente nel platino metallico, il cui nome deriva dallo spagnolo platina, argento minore.
Elemento chimico con numero atomico 78, è un metallo di transizione appartenente alla famiglia dei platinoidi (composta dal platino, rutenio, rodio, palladio, osmio e iridio).

Nella storia

Molto raro in natura, si stima abbia un’abbondanza relativa nella crosta terrestre del 0.0000005 %.
Utilizzato dagli Incas per i gioielli sin dal 100 a.C., ricomparirà nella storia solo nel 1735, rinvenuto dai conquistadores spagnoli in depositi alluvionali colombiani. Come testimonia il nome, platina = argento minore, l’occidente inizialmente reagì con disprezzo al nuovo metallo e uno dei suoi maggiori impieghi fu la contraffazione dell’oro. In conseguenza di ciò, furono molte le vicissitudini che il platino ebbe in occidente e solo nel XIX secolo fu riconosciuto come elemento chimico. Cartier, nel ‘900, lo utilizzò in gioielleria, associandolo ai diamanti, fino ad allora abbinati solo all’oro. Il platino, sino ad allora considerato come oggetto tutt’al più di scienza, divenne così un metallo prezioso.
» Continua a leggere questo post →

Antropocene: siamo in una nuova era?

antropoceneL’impatto dell’umanità sulla Terra è ora così profondo che, secondo un gruppo ufficiale di esperti che hanno formulato il parere al Congresso Geologico Internazionale a Cape Town il 29 agosto, deve essere dichiarata una nuova era geologica, l’Antropocene.

Secondo gli esperti, la nuova era inizia intorno al 1950 ed è definita innanzitutto dagli elementi radioattivi dispersi sul pianeta durante i test bellici nucleari, oltre che da un insieme di altri segnali, tra cui l’inquinamento da plastica, i fumi delle centrali elettriche, il calcestruzzo e persino le ossa di pollo domestico.

L’epoca attuale, l’Olocene (il cui nome significa “del tutto recente”), comprende i 12mila anni di clima stabile seguiti all’ultima glaciazione e durante la quale la civiltà umana si è sviluppata. Ma gli esperti sottolineano che l’impressionante accelerazione che si constata a partire dalla metà del 20esimo secolo  nelle emissioni di diossido di carbonio, nell’innalzamento delle acque, nell’estinzione globale delle specie e nella trasformazione delle terre ad opera della deforestazione e dello sviluppo, segnano la fine di quella fetta di tempo geologico. La Terra è così profondamente cambiata che l’Olocene deve lasciare il tempo all’Antropocene.
» Continua a leggere questo post →

Lac Caninum

lac caninumIl rimedio omeopatico Lac Caninum ha matrice materiale nel mondo animale, nel latte di cagna.

In passato gli fu accreditato l’effetto di constrare veleni letali e fu utilizzato con successo nella cura della difterite.

I primi proving del rimedio omeopatico Lac Caninum vennero effettuati alla fine dell’Ottocento nella scuola omeopatica in USA in cui lavoravano J.T. Kent e K. Hering.

Caratteristiche

Rispetto al latte umano, il latte di cagna ha maggiore contenuto di grassi, proteine e sali minerali ma risulta più povero di lattosio. Contiene calcio, fosforo, potassio, magnesio, cloro e zolfo, che conferiscono elasticità e, tra gli oligoelementi, prevale lo zinco. La presenza di elementi così importanti in omeopatia, rende estremamente ricco dal punto di vista farmacodinamico il rimedio Lac Caninum.
» Continua a leggere questo post →

Calcarea Fluorica

Il rimedio omeopatico Calcarea Fluorica ha matrice materiale nel mondo minerale, precisamente nel fluoruro di calcio, Fluoruro di calcio. E’ un sale binario che si presenta di colore bianco e, differentemente da altri alogenuri di calcio, è poco solubile in acqua. E’ presente in natura sotto forma di fluorite e presenta colorazioni diverse dal bianco a seconda delle impurità che contiene; un sale di purezza maggiore si può ottenere dalla reazione chimica di carbonato di calcio e acido fluoridrico:

formula

Nel corpo umano il fluoruro di calcio si trova nello smalto dei denti, nei tessuti elastici e nell’epidermide, oltre che nei canali di Havers, canali vascolari presenti nel tessuto osseo.

» Continua a leggere questo post →

Tarentula Hispanica

tarentula hispanicaIl rimedio omeopatico Tarentula Hispanica ha matrice materiale nel ragno comunemente chiamato ragno lupo, la Lycosa tarentula, appartenente alla famiglia dei Lycosiadae, simile ad un lupo per la grande velocità che caratterizza i suoi movimenti durante la caccia. Vive principalmente in Italia e Spagna. Ed è proprio in Puglia che viene chiamato tarantola, dove ha dato origine alla credenza che un suo morso causasse la malattia nota come tarantismo e che potesse essere curata saltando e ballando in modo molto… energico. Nel 1979 si scoprì che i movimenti estremamente energici e quasi convulsi ed estenuanti del ballo provocano il rilascio di endorfine che, unitamente all’assunzione di grandi quantità d’acqua, talvolta può portare alla risoluzione.

Oggi, comunemente e impropriamente, si annoverano tra le tarantole anche ragni giganti il cui habitat naturale è l’Africa. E nell’immaginario la tarantola è un animale grande e terrificante, il cui morso è mortale. Tuttavia, delle 800 specie note sotto questo nome, nessuna di esse è mortale per l’uomo e il morso dà origine ad effetti molto simili a quelli provocati dalla puntura di una vespa.
» Continua a leggere questo post →

Pagina 1 di 50123...10...Ultima »